Blog

” INTERMEZZO

Per questo secondo Intermezzo musicale ho l’onore di avere qui con me e per voi il cantautore Pino Daniele e l’attore Massimo Troisi nella loro ultima collaborazione artistica per la pellicola “Il Postino”.
Due indimenticabili artisti, poeti del nostro tempo, un tempo che senza loro appare più povero di romanticismo e poesia.

I miei occhi su di te
Stanno scivolando e quanto, quanto
Quanto manca ancora
Quanto manca per l’alba?
Cosa penserai di me
Se son matto o son bastardo
Quando, quando dico che non credo
Che non credo a nulla
In questo immenso che dura
Tutta una vita o un minuto così
E non riesco più a parlare
In questo immenso che c’è
Fra le tue mani
I tuoi occhi su di me
Dimmi dove stiamo andando
Quando, quando dici che non credo
Che non credo a nulla
In questo immenso che dura
Tutta una vita o un minuto così
E non riesco più a parlare
In questo immenso che c’è
Fra le tue mani
Questo immenso
Questo immenso
In questo immenso amore
Questo immenso
In questo immenso
In questo immenso

“Covid, con la vitamina D rischio di decesso e ricovero in Intensiva calato dell’80%” – Cronaca (ilrestodelcarlino.it)

Padova, 19 gennaio 2021 – La vitamina D diminuisce il numero di decessi per Coronavirus e i trasferimenti in terapia intensiva per chi è colpito dal virus. A dirlo sono i risultati del primo studio italiano pubblicato su ‘Nutrients’ coordinato dall’Università di Padova. Il team di ricercatori, che vede coinvolte le Università di Parma, di Verona e gli Istituti di Ricerca Cnr di Reggio Calabria e Pisa, guidato dal professor Sandro Giannini dell’Università di Padova ha infatti evidenziato scientificamente l’effettivo ruolo della vitamina D sui malati di Covid-19.

Funzione protettiva della vitamina D verso gli agenti infettivi

Sono molti gli studi, condotti a livello internazionale, sul ruolo immunomodulatore della vitamina D, che parrebbe svolgere una funzione protettiva verso agenti infettivi. Tuttavia, non vi sono attualmente molte informazioni su come la vitamina D possa influire sull’insorgenza ed il decorso della malattia nota come Covid-19. Molti lavori scientifici hanno associato l’ipovitaminosi D (cioè la carenza della vitamina stessa nel nostro organismo) a una maggiore esposizione alla malattia ed alle sue manifestazioni cliniche più aggressive. Poco era, invece, noto sugli effetti dell’assunzione di colecalciferolo (vitamina D nativa) in pazienti già affetti da Covid-19.

6. MORTE DELLA VIPERA

La vipera fu stanata in una notte d’estate o meglio una calda notte che sembrava estate… Non fu il caldo a ucciderla perché il suo covo era un luogo fresco, che le garantiva protezione e buio, come quando non si fa entrare luce in casa. Morì, per quanto avesse voluto allungare la sua vita, nell’esatto istante che Dio aveva deciso per lei al momento in cui l’aveva fatta nascere, consapevole che sarebbe stata una vipera malvagia e che avrebbe strisciato sulla terra in cerca di persone da avvelenare col suo scatto. Morì abbandonata da Dio, che molte volte le aveva dato dimostrazione di essere il suo Creatore e che voleva riportarla alla Luce prima che lei scegliesse di demonizzarsi totalmente.
Cosa accadde dunque?


La vipera è uno di quegli animali che può trarre in inganno, perché in quanto serpente si è portati a pensare che sia oviparo invece è ovoviviparo, partorisce cioè i suoi piccoli già formati, no uovo. Per tale motivo la vipera aveva potuto tenere con sé i suoi serpentelli nel covo, impedendo loro di uscire; li aveva obbligati, una volta partoriti, a restare in quel buio anfratto per servirla e questi la servivano e le servivano per sopravvivere, perché provvedevano a tutto: non esitava la vipera a iniettare loro il suo veleno anche per liberarsene quando le stringeva troppo la gola soprattutto se vedeva che, seppur tenuti al buio, quei serpentelli avevano negli occhi la luce di Dio che lei non aveva e allora li spaventava mostrando loro il suo volto da dannata, li minacciava facendole vedere i denti aguzzi se questi volevano seguire il richiamo di Madre Natura; scavava in loro voragini di dolore per farli diventare cattivi, li isolava dal mondo esterno affinché morisse in loro il desiderio di uscire.
Non aveva in sé alcun sentimento riconducibile all’amore materno; si sentiva la padrona dei destini di quelle vite che lei aveva espulso fisiologicamente come si fa per gli escrementi e ognuno delle sue piccole vittime cresceva nel covo senza conoscere la Luce, finché nella vita di alcuni sembrò entrare un barlume di possibilità e questi uno a uno iniziarono a pensare di poter fuggire dal covo. Ognuno di quei serpentelli dovette, quindi, pensare solo alla propria sopravvivenza, ognuno dovette superare la paura, trovare la strada per uscire dal covo e vedere il mondo fino a quel momento sconosciuto, ma per farlo dovevano accettare l’atroce patto che la vipera, all’apice della sua cattiveria, propose loro in cambio della libertà (fittizia, perché in verità li avrebbe ugualmente legati a lei, ma erano troppo ingenui per comprenderlo):  dovevano accettare di immolare uno di loro, trasformarsi in carnefici di un loro fratello, che sarebbe stato masticato da lei per succhiarne la vita e poi rigurgitato perché restasse in vita senza voglia di vivere, ma solo per servirla. Accettarono e come nell’episodio biblico Giuseppe venduto dai fratelli, sacrificarono la vita di uno di loro per la propria.
Come morì la vipera? – vi starete chiedendo.
Ebbene Dio sapeva quanto accadeva e quanto male la vipera aveva seminato strisciando. Lui la lasciò nel suo covo, dove lei voleva stare credendo di regnare come una regina seduta sul suo trono, sola di una solitudine più che fisica dell’anima, perché sperimentava l’abbandono di Dio; sola a finire i giorni che non erano nemmeno più i suoi. Dio le tolse da bocca la sua ultima vittima, quella che masticava e rigurgitava per tenersi in vita, quella immolata dai fratelli, quella che era certa di aver soggiogato soffocandone finanche il soffio di Dio, ma si sbagliava amaramente. Non erano una vipera a due teste, lei sarebbe morta miseramente staccata da quella creatura che aveva in tutti i modi cercato di fare sua, tracciandone il misero destino per sostituirsi a Dio.
Una vipera stanata, si sa, non può più ledere né cogliere di sorpresa nessuno e il demonio si sa odia l’uomo sebbene questi abbia scelto di demonizzarsi e di servirlo, quindi iniziò a darle un anticipo dell’inferno masticandola e rigurgitandola ogni giorno e ogni notte, da lì all’eternità.

Semplicemente Daniela.







Il virus non mi dava tregua, mi colpiva togliendomi il fiato, rumori simili a ruggiti provenivano dalle mie viscere e la tosse era così forte e sorda che la fascia muscolare dell’addome sembrava si stesse strappando poi il tredicesimo giorno lo espulsi tramite diarrea. E così vinsi la mia battaglia !



In memoria di tutte le vittime del disamore della propria madre.




5. IL MORSO DI VIPERA

A dire degli esperti, la vipera non sempre inocula il suo veleno e per almeno il 30% dei casi il suo morso è “secco” e non sempre la dose di veleno iniettata è causa di sintomi gravi e, comunque, raramente questi sono mortali.
Quando si è morsi da una vipera si è assaliti da ansia e preoccupazione, che, con ogni movimento concitato, contribuiscono ad accelerare il battito cardiaco e a diffondere il veleno nel corpo; per lo stesso motivo quella che io definisco l’entità pensante Covid-19 procura al corpo nel quale vuole diffondersi crisi respiratorie simili ad attacchi di ansia, incontrollabili, della durata anche di 3 o 5 ore per favorire la sua invasione nel corpo, il tempio dell’anima.
Per alcuni il contagio da Covid-19 arriva quando è il tuo momento di combattere il serpente, una sorta di iniziazione, entrare nei COVIDivipere, schiacciarne la testa diventando il calcagno di Colei che vince il serpente!

IL CONTAGIO E LA MALATTIA

Inizia adesso la mia narrazione…


L’entità arrivò da lontano, mi trovò, entrò nel mio corpo fingendosi altro così da non far scattare alcun campanello di allarme e dopo 11 giorni strisciante nel mio corpo come una vipera si mostrò: una cervicalgia da stress, ero certa si trattasse di questo sebbene il mio gatto sentiva nell’aria altro da giorni, sempre alle 4 del mattino e io pure sospettavo si trattasse di altro perché sentivo una presenza alla destra del mio capezzale che mi svegliava…
L’entità è pensante perché ti colpisce seguendo un programma di tortura sistematico, lo fa per ore fino a sfiancarti su più punti vitali. Era una feroce lotta contro una forza che vuole impossessarsi di te indebolendo il tuo corpo, ma soprattutto la tua mente fino allo spirito perché questo cada nell’oblio rinnegando Dio. La sentivo tornare per ricominciare a torturarmi, strisciare fino al petto e poi alla gola per bloccare il mio respiro e innescare crisi di panico continue con la febbre alta che mi stordiva, il sudore freddo, la dissenteria, il ciclo mestruale, la tosse forte…così forte che era impossibile contenere le urine, i muscoli addominali credevo fossero per strapparsi in alcuni punti e tossire diventava dolorosissimo, rumori forti come ruggiti li sentivo provenire dalle mie viscere, non riuscivo mai a riposare. Dopo tre/ cinque ore strisciava via a nascondersi in attesa che il mio corpo collassasse. In quei brevi intervalli in cui avevo tregua provavo a prendermi cura del mio corpo e quando mi guardavo allo specchio vedevo il viso di una persona quasi morta, con due occhi infossati e contornati di nero e mi obbligavo a mangiare per non soccombere. In qualche modo mi preparavo a un nuovo attacco, che arrivava puntuale. Attendevo l’entità coi grani del rosario stretto tra le mani, con lo sguardo puntato sull’immagine del Sacro Cuore di Gesù. Durante quelle ore di tortura chiedevo a Cristo di accettare questa mia sofferenza fisica, per la salvezza delle anime e della Chiesa Cattolica, pensando che era una grande opportunità che mi veniva data, quella cioè di dare senso a tanta sofferenza: sentivo la testa come stretta da una morsa che stringeva e la vista si alterava per la pressione alta, facendomi vedere come tante stelline gialle; sul mio corpo comparivano ecchimosi, scariche elettriche attraversavano il mio corpo dalla testa ai piedi e risalivano dai piedi alla testa, erano onde magnetiche che mi facevano sussultare e questo accadde mentre ascoltavo, dal cellulare accanto a me, le preghiere durante la messa di liberazione e guarigione in diretta streaming dal canale youtube dell’Associazione Madonna di Lourdes.
Quando compresi che c’era un nesso tra il virus e l’ora nella quale questo puntuale iniziava a torturarmi chiesi ai miei amici in Cristo di pregare per me e loro pregarono per me e invitarono altri a pregare per me perché sentivano, mi dissero poi, che stavo vivendo qualcosa che va al di là dello scibile… Dopo 13 giorni di tortura, privata pure del sonno e sempre stretta alla preghiera scrissi un post su facebook : ero io stavolta ad aspettare l’entità per affrontarla, perché non mi ero arresa e non mi sarei arresa. Quella mattina non arrivò puntuale alle 4, quella mattina era il giorno solenne in cui si festeggia Maria Aiuto dei Cristiani e la Beata Vergine era giunta in mio soccorso quell’esatto giorno e l’indomani alle 4 del mattino l’entità non mi sveglio dalla destra del mio capezzale, ma diede tre colpi ai miei piedi per poi andar via definitivamente, perché da quella mattina io mi svegliai guarita e tre giorni dopo il tampone molecolare confermava la mia negatività al Covid 19.
L’entità era andata via definitivamente uscendo per vie naturali.
A lode e gloria del Signore!




Semplicemente Dany, pochi giorni dopo la mia guarigione dal Covid19
Pubblico questa mia perché crediate.

4. IL SIERO DI VIPERA

E fu così che all’alba del Venti.Ventuno da COVIDivipere furono consegnati all’umanità, a velocità supersonica, dei sieri chiamati vaccini, ma che vaccini ancora non erano perché mai sperimentati e, come si scoprì in seguito, incapaci di immunizzare totalmente dalla malattia.
Con la promessa che solo con questo siero l’umanità sarebbe uscita dalla pandemia, come nei più bei lieto fine delle favole, iniziò la sperimentazione e si vide il virus Covid-19 mutare per non estinguersi al punto che più la popolazione si “vaccinava” più varianti si sviluppavano e la fine della pandemia diventava sempre più una mera chimera.
Il siero di vipera è il veleno che questo serpente rilascia nel suo attacco; la sua azione è paralizzante, blocca la preda e consente al rettile di cibarsene. E’ per questo motivo che considero più corretto per il virus Covid-19 parlare di siero e non di vaccino, perché alle cavie viene inoculato un estratto del virus che genera proteine spike che servono al virus a moltiplicarsi scatenando una risposta immunitaria “pazza” (per dirla in forma spicciola), le persone manifestano alcuni sintomi non per contagio, ma per inoculazione del siero…


Nel 2018 una donna di 72 anni è morta, in Italia, dopo 15 giorni di agonia a seguito di un morso di vipera: vano fu ogni tentativo di rianimarla, la signora a seguito di un’ischemia cerebrale causata dal veleno, non riprese più conoscenza. Per una curiosa coincidenza anche la malattia Covid-19 ha un lasso di tempo di 14 giorni entro cui, raggiunto il suo apice, o resti vivo o peggiori e muori.
Per due anni i mezzi di informazione hanno quotidianamente nutrito le ansie e le perversioni delle persone, generando psicosi e panico al punto che quasi tutti facevano i tamponi rinofaringei o gli esami sierologici per sapere se erano positive al virus pur non manifestando alcun sintomo. Le persone si nascosero in covi nascosti al punto da essere denominati “covidioti”.

Con il termine Siero di Vipera si definisce il veleno che questo rettile rilascia nel suo attacco. L’azione del Veleno di Vipera è paralizzante: blocca la preda catturata dal serpente e consente a quest’ultimo di poter cibarsene.

dal web
Semplicemente Dany

Nacque il greenpass e le discriminazioni per i non vaccinati al covid iniziarono nel 2022: quelli che non volevano entrare nei COVIDivipere sarebbero stati esclusi da tutto, anche dalla famiglia se necessario.
Il siero aveva paralizzato il muscolo del cuore, che in molti si impietrì.

INTERMEZZO

Vanto l’onore di avere nel mio libro virtuale l’indimenticabile e indimenticata Giuni Russo, artista di ricerca, sperimentale e d’avanguardia.

Certa che gradirete il suo intermezzo a tema, vi auguro un buon ascolto…

Non mi ha mai interessato lo stadio dello specchio
Non leggo mai trattati di economia politica
Comunque se mi toccano dov’è il mio punto debole
Divento incandescente, sarò una vipera ah ah ah ah sarò
(Non legge mai giornali per rilassarsi un po’)
(Le piace più cantare)
Ti potrei cantare la norma di Bellini
Con dei fonemi sardi oppure giapponesi
Le trifonie dei mongoli, le trifonie dei mongoli
Anata wa anata to futari anata wa
Le trifonie dei mongoli, le trifonie dei mongoli
Non è per presunzione ma solo per essenza
Se guardi le mie mani non c’è bisogno di parlare
Comunque se mi toccano dov’è il mio punto debole
Divento incandescente, sarò una vipera ah ah ah ah sarò
(Non legge mai giornali per rilassarsi un po’)
(Le piace più cantare)
Il Covid 19 ti succhia la vita, ma a infondertela tenendo accesa in te la fiaccola della speranza- oltre la fede che per me è stata determinante- sono le parole e i gesti di aiuto ricevuti a distanza da medici volontari che, a fronte dell’abbandono dei medici di base, hanno creato una rete per le cure domiciliari. Fisicamente sei sola col virus che ti bolle, ma se hai un dottore vero che vuole salvarti ogni suo consiglio tempestivo diventa goccia d’acqua nel deserto, quel deserto infernale con la febbre oltre 39 e il respiro che si affatica.
Io ho combattuto tanto mentre lui era all’apice della sua psicopatia perché per me resterà il ricordo di un’entità pensante che sa quando colpirti, come e per quanto pur di portarti alla morte.
Grazie a tutte le anime buone che non mi hanno abbandonato con la preghiera.
Se San Pio scelse di chiamare il suo ospedale “Casa sollievo dell’ammalato” è proprio perché nell’ammalato si vive la passione di Cristo che nel Getsemani chiese agli apostoli di vegliare e pregare, ma loro si addormentarono….
Vi prego abbiate pietà degli ammalati di Covid19, non fateli sentire soli, trovate per loro soluzioni, anche un piatto di pasta cucinato lasciato fuori la porta può essere un conforto perché si arriva a non avere nemmeno la forza di tenere in mano il cellulare.
Se non cambiamo i nostri cuori il mondo non guarirà.
Daniela Schiarini
dal mio profilo Facebook, post del 27 maggio 2021 * la foto è antecedente alla malattia Covid19

3. VIPERE

“Se metti un piede in un groviglio di vipere, che differenza fa quale di esse ti colpirà per prima?” – scrive così lo scrittore di fantascienza George R.R. Martin e di fatto rende perfettamente l’idea di quanto possa passare in secondo piano chi ti morde per primo se ad aggredirti sono serpi della stessa specie.
Le vipere si nascondono, colpiscono di sorpresa, ma fondamentalmente se escono allo scoperto e tentano di morderti lo fanno perché hanno paura di te…

L’entusiasmo solidale dell’ #ANDRATUTTOBENE, i canti sui balconi, i video strappalacrime dei nipoti per i nonni, questo e altro ancora servì a formare COVIDivipere: i deboli di spirito scelsero di trasformarsi in vipere per entrare nei covi e sentirsi al sicuro, membra di una nuova società che si stava creando, con nuove regole, nuovi principi e, soprattutto, senza scrupoli. In molte persone, seppur non contagiate dal virus, l’entusiasmo (dal greco, avere dentro Dio) svanì e un velo nero impalpabile come una scia bianca nel cielo si posò sulla terra nemmeno fosse cenere vulcanica a seguito di una tremenda eruzione. Era dunque capace il covid di attaccare finanche la fiamma del Creatore che è dentro ognuno di noi? Iniziai a pensare che si trattasse di un’entità dotata di intelligenza propria, non un comune virus come di quelli che esistono in natura da millenni, non era un semplice veleno di vipere, ma le stesse vipere capaci di strisciare nei vasi sanguigni così come il serpente eterno striscia nell’anima quando vuole sporcarla col peccato.

Vivono persone che formano famiglie che erano COVIDivipere già prima dell’avvento del virus, gente malvagia, assoggettata al dio denaro, gente la cui puzza di zolfo trasuda dai loro corpi come organico da differenziare. In un breve alito di realismo letterario alla Verga, cito il Birra, sintesi emblematica di questo degrado umano, una sorta di personaggio kafkiano che come uno scarafaggio sale la parete di un palazzo per andare in alto per poi pietosamente cadere vinto dalla gravità ed è costretto a restare nella sua miserabile condizione. Deforme, ridotto a un ceppo di legno, il Birra morì con gli occhi aperti mentre mangiava i suoi soldi sporchi perché nessun siero lo aveva reso immortale.
Vana Speranza…


Visitors – Serie Originale: Sigla Apertura (2a Versione) – YouTube

L’unica forza che si oppone alla violenza dei Visitatori è La Resistenza.”
“L’invidia da un canto, dall’altro gl’intrighi spezzati, le aspirazioni deluse trassero agevolmente dalla calunnia una scusa alla loro sconfitta. “
Luigi Pirandello – L’ esclusa.

2. Gli incantatori di serpenti

Gli incantatori di serpenti sono la figura più emblematica di questa triste quanto assurda storia, che, dopo 2 anni stiamo ancora vivendo.
I saperas, così chiamati in India, sono specializzati nel catturare gli esemplari delle specie più pericolose per poi farli danzare suonando il pungi, uno strumento a fiato molto simile al flauto a due canne.

Rendete veramente giustizia, o potenti,
giudicate con equità gli uomini?

No! Voi commettete iniquità con il cuore,
sulla terra le vostre mani soppesano violenza.

Sono traviati i malvagi fin dal seno materno,
sono pervertiti dalla nascita i mentitori.

Sono velenosi come un serpente,
come una vipera sorda che si tura le orecchie,

che non segue la voce degli incantatori,
del mago abile nei sortilegi.

Spezzagli, o Dio, i denti nella bocca,
rompi, o Signore, le zanne dei leoni
.

Si dissolvano come acqua che scorre,
come erba calpestata inaridiscano.

Passino come bava di lumaca che si scioglie,
come aborto di donna non vedano il sole!

Prima che producano spine come il rovo,
siano bruciati vivi, la collera li travolga.

Il giusto godrà nel vedere la vendetta,
laverà i piedi nel sangue dei malvagi.

Gli uomini diranno: “C’è un guadagno per il giusto,
c’è un Dio che fa giustizia sulla terra!”.


Salmo 58

 

Con la stessa abilità dei saperas, i nostri “incantatori di serpenti” attraverso i principali canali di informazione hanno stanato il serpente dormiente nell’animo umano o se non dormiente semplicemente nascosto, camuffato in buonismo  e hanno iniziato a incantarlo perché dalla cesta in cui era nascosto (l’intimo dell’animo umano) questi venisse fuori.
E fu così che l’#ANDRATUTTOBENE divenne lo slogan del lockdown, striscioni ovunque fuori alle finestre, stesi come lenzuola ai balconi, simbolo di coraggio e ottimismo e la convinzione che più ci saremmo sacrificati chiusi in casa, prima saremmo usciti da un incubo che era solo all’inizio. Purtroppo però questo sogno arcobaleno fu destinato a spegnersi in fretta perché la triste realtà soffiava sulla fiamma dell’ottimismo che cedette il passo a nevrosi e depressioni fino a concludersi, per molti, in un disperato suicidio o in ribellioni per strada placate dal TSO.
I virologi divennero le nuove stars indiscusse della TV italiana e il loro pungi, per un inaspettato gioco di parole, fu proprio quello che veniva definito vaccino, ma che in realtà è un farmaco sperimentale, testato in scala mondiale su quanti, incantati dal suono del pungi suonato con maestria, si fanno pungere il braccio ignari che da quella puntura entra il serpente velenoso, il cui veleno, continueranno a dire, salva.
Ma procediamo con calma e prestiamo attenzione ai dettagli…
E’ noto che da veleni di serpente sono stati sviluppati farmaci per la cura di alcune malattie o per la creazione di prodotti di bellezza per la pelle.
Il primo farmaco sviluppato per trattare l’ipertensione è derivato dalla tossina del veleno di una vipera brasiliana. Ma nel nostro caso, il confine tra beneficio del farmaco e maleficio è così astutamente sottile che la scelta tra i due è come sempre riposta nel libero arbitrio.

Nel voler tentare di dare a te, che hai scelto di leggermi, una più acuta interpretazione degli eventi finora vissuti e/o subiti, focalizzerò la nostra attenzione sul serpente di cui sopra e per farlo seguiremo le linee guida dateci dall’amato, a livello planetario, papa Francesco, promotore indiscusso del siero miracoloso tra i cattolici, sciogliendo ogni conflitto etico legato all’utilizzo di brandelli di feti abortiti vivi per la realizzazione di quello che conosciuto come il “miracoloso” vaccino a mRNA.
Era il 15 marzo 2016, una mattina di martedì quando papa Francesco, nella cappella della Domus Sanctae Marthae, propone la sua meditazione dal titolo “Il serpente che uccide e il serpente che salva” – facilmente reperibile tramite internet, visitando il sito del Vaticano.
E’ proprio grazie a questa summa interpretativa del sommo gesuita che potremmo, forse, comprendere meglio gli incantatori di serpenti che oggi, nella società globalista, indossano abiti senza genere e sono capaci di dire e mettere in atto dinamiche sociali in perfetta antitesi coi valori su cui si fondava la società fino all’avvento sulla terra del Covid-19.
Voglio credere che in molti, ingenui, non vi siate ancora accorti, che l’intenzione di una sconosciuta ed oscura camera di regia pare essere proprio quella di voler fare di questo virus lo spartiacque tra il vecchio mondo e il nuovo mondo, proprio come accadde con l’avvento di Gesù, che divise la Bibbia in Vecchio e Nuovo Testamento e così la storia in Ante Christum e Post Christum.
Secondo il pontefice argentino l’immagine del serpente è portatrice di un messaggio. Quale? Scopriamolo insieme…
Il serpente, ha detto papa Francesco, è il primo degli animali che viene nominato nel libro della Genesi ed è ricordato come il più astuto; ancora menzionato nel libro dei Numeri(21, 4-9) quando si narra di come nel deserto il popolo mormorasse contro Dio e contro Mosè: “Il Signore mandò fra il popolo serpenti brucianti, quelli mordevano la gente e un gran numero di israeliti morì”. Allora il popolo si pentì, chiese perdono e Dio ordinò a Mosè: “Fatti un serpente e mettilo sopra un’asta. Chiunque sarà stato morso e lo guarderà resterà in vita”. Quindi, per logica, dopo 6 anni da questa sua omelia, il pontefice mette in atto ciò in cui crede e cioè che la salvezza si ottiene attraverso il serpente velenoso se questi viene innalzato (a Dio). E semmai apparisse, la mia, una illogica interpretazione, ecco che lo stesso controverso pontefice tenta di traslare la figura di questo serpente salvatore degli israeliti su Gesù innalzato sulla croce e lo fa dicendo che “Gesù si è fatto peccato” per la salvezza degli uomini, ammettendo di conseguenza, ma in modo non a tutti comprensibile,  che il serpente è il peccato.
E’ bene chiarire questo passaggio, perché è in atto una battaglia decisiva tra Bene e Male e fu lo stesso allora Presidente del Consiglio Giuseppe Conte a sentirne il peso quando, in una delle sue dirette di inizio pandemia , disse “noi non siamo il governo delle tenebre” eppure seguendo una cavalcante fantasia i famosi DPCM erano decisi sempre di notte, col favore delle tenebre…
Non bisogna essere teologi per sapere che quando Gesù parla di vita e di morte lo fa sostanzialmente in riferimento alla salvezza dell’anima. Vedere in Cristo morto in croce il serpente innalzato da Mosè significa usare la Parola in maniera ingannevole e giocare di astuzia.
In ultima analisi, secondo papa Francesco il peccato “è l’opera di Satana e Gesù vince Satana facendosi peccato” – cioè un paradosso: è come dire l’acqua santa spegne il fuoco dell’inferno facendosi fuoco dell’inferno.
Secondo questa logica, per vincere il virus devi diventare virus e quindi il siero non è antivipera, ma è per trasformarti in vipera!
Quando Dio dice a Mosè che tra quelli morsi dal serpente, soltanto quelli che lo avrebbero guardato negli occhi (quindi con l’anima) sarebbero stati salvati  – vuol dire all’uomo che solo guardando e riconoscendo il peccato per cui si è morti dentro si potrà essere salvi, rinnegandolo!
 La funzione salvifica del serpente, di fatto, non c’è perché da un veleno si guarisce con l’antidoto no iniettando il veleno stesso.
Gesù morto sulla croce salva perché diventa antidoto del veleno del serpente/ peccato/ virus .
“Siate candidi come colombe, ma astuti come serpenti ”. Mt 10,1

IL VOLTO DELL’UMILE

“L’umile si avvicina alle bestie feroci, e appena il loro sguardo si fissa su di lui, la loro brutalità si placa; e si avvicinano e si uniscono a lui come al loro signore e gli fanno festa con la loro coda e leccano le sue mani e i suoi piedi. Infatti sentono che da lui esce quell’odore che emanava da Adamo prima della trasgressione del comandamento, quando si erano riuniti presso di lui ed egli aveva imposto loro i nomi, nel paradiso; quell’odore che noi abbiamo perso e che Cristo, con la sua venuta, ci ha restituito rinnovato; lui che ha reso profumato l’odore della razza degli uomini.

Se l’umile si avvicina ai rettili mortiferi, appena il tocco della sua mano raggiunge i loro corpi, egli lenisce la feroce violenza del loro veleno mortifero e li accarezza con le sue mani come se fossero cavallette.”


tratto da L’Umiltà, Isacco di Ninive (613 circa – Ninive, Mesopotamia 700)
mistico, teologo, vescovo cristiano sirio, venerato santo in tutto l’oriente cristiano.

1. L’ERA DEL TAMPONE

Tutto incominciò con un #ANDRATUTTOBENE … che poi l’ipotesi che sarebbe potuto andare di male in peggio sembrava non interessare a nessuno o meglio quasi tutti erano certi che in 15 giorni, come ci era stato detto dal governo, ne saremmo usciti a patto che fossimo rimasti tutti chiusi in casa. Era il 10 marzo 2020 quando imparammo a masticare la parola lockdown e più la masticavamo più sentivamo svanire in bocca il gusto e i profumi della libertà.
Protagonista indiscusso di questa assurda quanto spietata storia è un virus fino ad allora sconosciuto al popolo, chiamato COVID19, sfuggito, dicono, al controllo di un laboratorio cinese di manipolazione dei virus, diffusosi nel mondo sulle ali dei pipistrelli e, come un killer spietato, capace di mietere vittime su vittime in tutto il mondo, perché la cura era ancora ignota o meglio nota ma costosa o meglio: si può sperimentare un vaccino a mRna sulla popolazione mondiale totalmente spaventata e consenziente! …diabolicamente possibile.
Lo so, detta così sembra un racconto dark di fantascienza, magari tratto dal celebre fumetto Dylan Dog oppure un film della Marwell anche un po’infantile, frutto di fantasie vivaci alle quali però tutto il mondo ha dovuto credere, perché non vi è finora mai stata una spiegazione scientifica di come un virus appartenente alla famiglia dei coronavirus (cioè quelli dell’influenza stagionale, cioè quelli che mutano continuamente) abbia potuto giustificare una Pandemia volta a cambiare le regole del mondo e il suo ordine, fino a far sprofondare tutti e tutto nel totale caos e delirio di onnipotenza dei politici e dei potenti.
Sembra, infatti, che il pipistrello non fosse altro che un vampiro anzi un’entità capace di entrarti dentro per succhiarti la vita grazie alla proteina spike ed è una tesi molto accreditata questa tra gli etichettati “complottisti” .

L’idea è nata da una maestra piemontese per divertire i suoi bambini ed è diventata subito virale sui social: si tratta di un post Facebook che sta facendo il giro d’Italia che dice più o meno così:
“Ogni famiglia dovrebbe disegnare un arcobaleno su un cartellone o un lenzuolo con la scritta ANDRÀ TUTTO BENE per poi appenderlo su finestre, balconi e terrazze”

Arcobaleno #andràtuttobene Coronavirus: significato e come farlo – GBR (giochibambiniragazzi.it)


Il Venti.Venti appena cominciato si preannunciava un anno di crisi e paura e non riuscirono i canti sui balconi e gli striscioni #ANDRATUTTOBENE, né le delizie di pane dolce o salato, i kili presi e i video strambi realizzati in casa per distrarre il tempo, ad alleviare la morsa di terrore che man mano si diffondeva a causa del virus onnipresente h24 su tutti i canali di comunicazione di massa. Stavamo vivendo un Truman Show con le ambulanze vuote che circolavano a sirene spiegate per infondere terrore, le auto della polizia municipale in giro per i quartieri a intimare attraverso un megafono di non uscire dalle case tantomeno durante il coprifuoco notturno: solo gli autorizzati potevano uscire di giorno previo bolla di accompagnamento, in assenza della quale si rischiava multa o addirittura denuncia penale! Eh sì, addirittura il coprifuoco…. Addirittura la denuncia penale…
Era il deserto, fuori e dentro le case e molte si trasformarono in trappole infernali, i più reconditi incubi che prima la vita nel suo scorrere teneva sopiti negli animi umani, presero possesso delle persone e queste mutarono. Il virus seppur non contratto ebbe questo potere su molte menti e coloro che sopraffatti dalla paura avevano ceduto il loro corpo pur di avere l’utopica certezza dell’immortalità, persero finanche il ricordo di se stessi.
Non ci volle molto tempo perché numerose attività commerciali fallissero a causa della crisi economica che il lockdown aveva portato con sé.
Il mondo stava cambiando, la società stava cambiando, le persone sarebbero cambiate e molte si sarebbero mostrate intanate come in COVIDivipere…
Iniziava l’era del tampone necessario pure per salire su un autobus, ma nella memoria televisiva di noi italiani resteranno le file di camion dell’esercito che trasportavano corpi di morti a Bergamo, uccisi dal virus (si saprà solo dopo, ma non si dovrà mai dire quindi leggete come se non aveste letto, che quelli furono martiri e che a ucciderli furono cure sbagliate), destinati alla cremazione, chiusi in un sacco, privati dell’estrema unzione e della pietas dei parenti; inceneriti senza prima alcuna autopsia che potesse aiutare la scienza a capirne un po’ in più su questa sconosciuta entità. Ma per fortuna qualche medico coraggioso osò dare voce a quel silenzio degli innocenti me qualcuno di questi medici da innocente scomparve alla memoria.
Iniziava l’era delle morti sospette e dei suicidi di medici e scienziati che avevano scoperto cure efficaci e molto meno costose, l’era dei medici sospesi dalla professione per aver curato pazienti e salvato vite non attenendosi al protocollo di cure ufficiali  e l’era dei lavoratori over 50 a cui non è concesso lavorare se non vaccinati per il covid19, l’era delle morti da malore improvviso e delle morti nel sonno.
Benvenuti nell’era del tampone! …molecolare, rapido, antigenico, salivare… a costi elevatissimi per un business mozzafiato>> è davvero il caso di dirlo!


Pirati dei Caraibi – Oltre i confini del mare — Uomini del Re – clip dal film | HD – YouTube


INCUBAZIONE

E’ trascorso esattamente un anno dalla mia malattia Covid19, che si aggravò perché le indicazioni del protocollo di cura ufficiale in caso di sintomi iniziali erano, e lo sono tuttora, tachipirna e vigile attesa e queste si sono rivelate fatali per tantissimi contagiati, me compresa, che mi considero una morta e poi risorta.
Seguendo questa direttiva la maggior parte dei medici di base non si sentiva obbligata a fare altro che abbandonarti al tuo destino, ignorando i messaggi al telefono di richieste di aiuto per quella fame d’aria che non dà tregua; visualizzati anche dopo 24 ore e che non ricevevano alcuna risposta da un’umanità in molti medici estinta e quindi il protocollo della speranza di guarigione diventava nel giro di pochi giorni il protocollo della condanna a morte. Era come se l’obiettivo segreto da perseguire non fosse quello di curarti, ma di farti peggiorare così che se morto avresti aumentato il numero dei decessi e se in ospedale allora potevi valere denari per ogni giorno di degenza in ospedale, isolato da affetti, come un insetto intrappolato nella ragnatela, consapevole che il ragno ti sta chiudendo in un bozzo prima di mangiarti ed è lì che molti si sono arresi, lasciandosi morire pensando di non avere alcun scampo. In entrambi i casi tu, ammalato, avresti avvalorato la Pandemi(m)a.
Un anno di “incubazione”, prima di pubblicare questo mio sebbene ne avessi annunciato l’intenzione già da tempo, perché i segni psicologici e fisici che questo virus lascia su chi lo ha contratto nella sua forma e variante aggressiva, fa sì che tu viva quello che la scienza chiama long covid, ma in realtà credo sia più simile ai postumi di una tortura, con la sola differenza che il torturatore era dentro di te e io fin da subito l’ho chiamato l’Entità.
Un anno di incubazione perché volevo osservare le reazioni nel tempo di chi per me non c’era stato, mostrandomi un volto crudele come solo il disprezzo sa dipingere sul volto di un essere umano. Volevo anche fare emergere dai pochi dettagli della mia esperienza vissuta come un’esperienza mistica del dolore e pubblicati attraverso i miei canali social, le reazioni di chi mi ha ulteriormente attaccata perché sopravvissuta grazie alle cure non ufficiali, come dire “ sei un ammalato scomodo…”
Come promesso COVIDivipere è pubblicato sul mio sito in forma di  ex voto a Maria Auxilium Christianorum, per grazia ricevuta – fu infatti all’alba del giorno in cui la Chiesa festeggia, il 24 maggio, che mi risvegliai guarita e già negativa al virus, dopo 14 giorni di sofferenza ininterrotta.
Correva l’anno 2021.

A Gesù Cristo, mio sposo dell’anima, che al mio cuore confidò in anticipo tutto quello che avrei sofferto e perché dovevo attraversare un tale martirio. Nelle tue mani, oh mio Dio, ripongo questa mia umile testimonianza, perché possa essere lume e/o consolazione per quanti ne hanno bisogno… Nel tuo Sacro Cuore ripongo ogni mia intenzione di scrittura perché possa raggiungere ogni lettore nel Tuo Nome e secondo la Tua Divina Volontà… Il Tuo Sacratissimo Sangue scenda su ogni parola da me scritta per fortificarla e sopra il demonio per abbatterlo.

Dedico questo mio a tutte le anime che, come me, hanno vissuto la profonda solitudine nella sofferenza a causa di questa entità, ai tantissimi che sono morti sopraffatti dalla paura e dal panico nei loro ultimi istanti vissuti nell’abbandono totale; ai loro cari che non hanno potuto nemmeno vederli se non portati via in una sacco per poi essere bruciati; a quelli che non hanno ricevuto nemmeno il sacramento dell’Estrema Unzione perché i preti, timorosi del virus più che di Dio, hanno tradito la loro missione sacerdotale e a quelli che in unione con Dio hanno continuato coraggiosamente a nutrire le anime senza offendere in nessun modo il Corpo di Cristo.

Dedico, altresì, questo mio a quanti hanno espresso al meglio del peggio la cattiveria che hanno dentro, cogliendo l’occasione per infierire contro chi stava soffrendo combattendo la battaglia per la sopravvivenza e aveva bisogno di pace, amore e tranquillità, ma ha ricevuto isolamento, diffamazione  e un carico di ulteriori difficoltà: ne risponderete davanti a Dio!
Sarà sicuramente l’unica volta che dedico un mio libro a persone cattive e prive di scrupoli e lo faccio non perché spero che questo mio possa smuovere la loro coscienza imputridita e i loro cuori impietriti, ma perché sono le vipere velenose che avvelenano questo mondo, il virus sono loro, loro sono i COVIDivipere.

Dedico questo mio ai vivi e ai defunti che mi hanno sostenuto con la preghiera, facendomi sentire la vicinanza spirituale di cui avevo bisogno per combattere l’entità.

Dedico questo mio alle due persone (L.P. R.G.) che hanno aiutato me e i miei figli durante quei giorni di tormenti, superando ostacoli e percorrendo chilometri per lasciare fuori la porta di casa oltre alla spesa, al cucinato e alle medicine anche i loro sguardi di affetto che mi abbracciavano non facendomi sentire sola.
A mio padre, che in quei giorni della mia malattia si chiuse nella preghiera perpetua offrendo il suo dignitoso martirio interiore per la sua amata figlia, assalita da quel virus letale di cui i virologi, che lui ascoltava in televisione da mesi, spiegavano.


In ultimo, ma non certo per importanza, tutt’altro…

Dedico questo mio a una donna straordinaria, una dottoressa straordinaria che, insieme a tanti medici come lei intrisi di profonda umanità e fedeli al giuramento di Ippocrate, sono i veri eroi della pandemia Covid19: La dottoressa Luisa C.   
Se non fosse esistito Facebook non avrei “incontrato” quest’angelo a 1000 km di distanza da me, in quel pezzo d’Italia ove i morti furon tantissimi …
Dal mio SOS lanciato forse troppo in ritardo nel Gruppo facebook per le Cure Domiciliari Covid19 – suggeritomi da alcuni di voi amici del social – lei  decide di prendermi in cura, di tentare l’impossibile: salvarmi la vita.
Ma il nostro incontro e il come mi ha assistita merita un racconto meno affrettato e quindi ne dirò meglio in seguito, in questo libro virtuale che spero abbiate voglia di leggere.
A te cara Luisa,
che mi hai curata da lontano anche con la medicina dell’amore, come una mamma…
Ti sarò per sempre grata e a te unita da profondo affetto.


San Michele Arcangelo

Infine un doveroso ricordo del professor Giuseppe De Donno, pioniere della Plasmaterapia che salvò tante vite al Poma di Mantova, durante quei primi tragici mesi della Pandemia …
A un anno esatto dalla sua prematura morte, forse da molti dimenticata, ma che resterà sempre avvolta da un velo nero di mistero.


“La terapia con il plasma costa poco, funziona benissimo, non fa miliardari e io sono un medico di campagna, non un azionista di Big Pharma. I miei colleghi – dice De Donno – non rispettano più il giuramento di Ippocrate ma pare abbiano fatto un giuramento da ‘ippocriti’. C’è tanta ipocrisia e sono infuriato perché siamo in mano a scienziati prezzolati”.
Questo ha dichiarato recentemente, per poi aggiungere: “Ho due rimpianti: dovevo iniziare ad alzare la voce prima e in maniera più energica. Il mio era un dovere civico. Se tutto continua a restare in mano a questi scienziati prezzolati non si va da nessuna parte. Quando parlo a un congresso, la prima slide che proietto riguarda il conflitto di interessi. Io non ne ho, non ne ho mai avuti. Mi piacerebbe che i medici che vanno in tv facessero lo stesso”.
fonte web

La porta dell’inferno di Rodin, al Quirinale.

La descrivono come un’opera incompiuta, a cui il noto scultore Auguste Rodin lavorò per circa quarant’anni, praticamente dalla commissione fino alla sua morte. Ma fu davvero opera incompiuta o piuttosto nel suo interno l’artista, attraverso quella porta, condusse molte anime all’inferno?

L’ascoltavo con lo sguardo acuto di una Sherlock Holmes, quando Veronica, fatto un gran respiro, continuò il suo racconto. Nel frattempo arrivarono il caffè per me e l’infuso per lei.

“Eravamo entrambi molto legati all’erotismo delle sculture di Rodin, ma io scoprii, e questo deve avermi salvata, che la vera anima delle sue sculture non era lui ma la sua talentuosa assistente Camille Claudel. Lui alimentava in lei il sogno d’amore, ma non l’amava. […] Rodin era così attratto dalla purezza e dal talento di Camille che voleva farlo suo e per fare questo non solo l’ avvinse a sé per anni in una relazione di passione illudendola di amarla, ma pensò che se l’avesse intrappolata nelle sue sculture, la fiamma del talento che lei possedeva sarebbe stata sua per sempre. Camille visse gli ultimi trent’anni della sua vita rinchiusa in un manicomio, vittima di ossessioni che le facevano riconoscere in Rodin il demonio! […] Rodin spinse la povera Camille ad abortire perché non gli interessava altro frutto dell’amore di lei se non quello che già le apparteneva con le sculture e solo allora, ma era già troppo tardi, Camille comprese quanto l’uomo che ammirava e amava l’avesse tradita, depredata, inaridita e privata di ogni energia vitale.”

da I GIORNI DEL SALE, 2016 – di Daniela Schiarini

Il 15 ottobre prossimo questa opera giunge al Quirinale, voluta dal governo, lo stesso che in tempo di lockdown ci tenne a dire, per bocca dell’allora presidente del consiglio Giuseppe Conte, di non essere il governo delle tenebre… seppur col favore delle tenebre venivano pensati e stilati i vari decreti che si sono susseguiti da quando è iniziata la pandemia Covid19.

Capitolo XXIIII ILGRAN BALLO DI SATANA

“Ma dove sono gli ospiti?- domandò Margherita a Korov’ev.

“Arriveranno, arriveranno, arriveranno subito. Non faranno difetto.[…] Non mancano più di dieci secondi alla mezzanotte, adesso si comincia.” A quel punto Margherita raggelò perché aveva riconosciuto questo Meigel. L’aveva incrociato alcune volte nei teatri di Mosca e nei ristoranti. Il caro barone continuo Woland sorridendo gioiosamente è stato così incantevole che, venuto a sapere del mio arrivo a Mosca, mi telefonò immediatamente offrendomi i suoi servigi nella sua specialità, ovvero il far conoscere le curiosità come guida turistica punto va da sé che sono stato ben lieto di poterlo invitare da me. […] Sì e in effetti barone, proferi’ Woland abbassando improvvisamente la voce con fare intimo, giravano voci sulla sua straordinaria curiosità. Si diceva che essa, insieme alla sua non meno sviluppata loquacità, avesse cominciato ad attirare l’attenzione generale. Inoltre le malelingue avevano già lasciato cadere una certa parola delatore e spia. E oltre a ciò c’era anche la supposizione che la cosa l’avrebbe portata a una ben triste fine in meno di un mese. così che, per liberarla da questa attesa tormentosa, abbiamo deciso di venire in soccorso, approfittando della circostanza che lei aveva chiesto di venirmi a trovare allo scopo di guardare, ascoltare il più possibile. Il barone divenne più pallido di Abadonna, che per sua natura era eccezionalmente pallido, e poi avvenne qualcosa di strano. Abadonna si ritrovò di fronte al barone e per un istante si levò gli occhiali. In quello stesso istante qualcosa di infuocato balenò tra le mani casello, ci fu un colpo non violento, come un battito di mani, il barone comincio a stramazzare, sangue vermiglio gli schizzati al petto e gli intrise la camicia mi data il gilet. Il corpo senza vita del barone nel frattempo era ormai disteso a terra.”

da IL MAESTRO E MARGHERITA di Michail Bulgacov

Roma come Mosca?

Ipnosi collettiva ? …

Chi uscirà da quella porta infernale in mostra al Quirinale, ma soprattutto quanti malcapitati curiosi ne resteranno intrappolati?

“[…] Se inoltre riuscisse a far capire con tatto ed educazione a M. Rodin di non venire più a trovarmi, mi farebbe il più gran favore in cui io possa sperare. M. Rodin sa bene quante spregevoli persone si sono azzardate a dire che è lui l’autore delle mie sculture; perché dunque permettere a una simile menzogna di trovare conferma?” Camille Claudel,scultrice

– estrapolato da una delle sue epistole.

Sequenza allo Spirito Santo

… O Dio, che ha istruito i tuoi fedeli, illuminando i loro cuori con la luce dello Spirito Santo, concedi a noi di avere nello stesso Spirito il gusto del bene e di godere sempre del suo conforto. Per Cristo nostro signore. Amen

A voi ogni possibile deduzione … Quanto avete or ora letto è la mia.

Daniela Schiarini