Mut.A.zione

La Poesia deve elevare non solo raccontare.
Io ho scelto di evidenziare luci e ombre dell’anima e questo deve accompagnarsi alla volontà del poeta di indicare al lettore la via di fuga dalle prigioni. Se scriviamo di sesso, uuuuh tutti si attizzano! – ma se indichiamo anche quali sono i rischi che una persona corre nello scivolare in una schiavitù da sesso virtuale allora sì che l’opera del poeta ha una missione aulica.
Come poeta posso scendere all’inferno, visitarlo, restare profondamente turbata, ma mai andrò via da lì senza aver provato a redimere anche solo un’anima che si sarebbe detta perduta!
Io vivo così, chi mi ha incrociata sul suo cammino lo può confermare.

In risposta a un amico poeta e scrittore che mi ha lanciato incipit per un confronto sul tema.
Condivido con voi questo mio punto di vista. 

2 pensieri riguardo “Mut.A.zione”

    1. Ciao Claudio, grazie… Io credo di essere nata per amare!
      non mi pesa nemmeno il restar delusa perché ho la consapevolezza di aver amato.
      Quindi se consideri che il mio primo innamoramento serio fu all’età di 2 anni per il Dolce Remì, il resto è venuto da sè.
      Un bacione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.