5 – La fuga

Si fugge dall’amore?

Davide era un fuggiasco che aveva scelto la donna che aveva accanto da 15 anni consapevole di non amarla, la vita costruita come un alternatore di energia, un uomo che camminavetra i sassi ricordando quell’invito a cena con la musica jazz di sottofondo…

DANZA NEL VENTO


Eri già scomparso
prima ancora di arrivare
come un duetto
improvvisato
di cui ricordi
ogni passo nella sala.
I rintocchi
mai scanditi
ti riportano
alla rosa
dove i venti
in un punto d’incontro
ci resero perfetti…
…e tu lo sai appena
e quel che sai
non te lo spieghi…
Saltello
su ciottoli di nuvole
appena allineate
forse ti raggiungo
poi scappo
perchè il nettare
non è di sempre
e va distillato
come birra di miele
Sposti fili di capelli
dal mio viso
come si fa nell’amore
quando si cura
e la medicina
diventa premura.
Forse ancora
o forse mai più
perchè il vento
nella rosa
muove l’onda
e la vela.

Daniela Schiarini
poesia edita in CAMERA SINGOLA CON LETTO ALLA FRANCESE – 2015
In foto Daniela Schiarini
*
“Voi sopportate la mia scontrosita’ senza mostrarvi infastidita…
Voi non siete tanto austera come io non sono nato malvagio. Un tempo avevo un cuore tenero poi la vita mi ha sballottato.”
dal film Jane Eyre 1995, trasposizione cinematografica di Franco Zeffirelli dell’omonimo romanzo di Charlotte Bronte

4 pensieri riguardo “5 – La fuga”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.